Artico e Somalia, pattumiere del mondo

In questi giorni si torna a parlare di emergenza rifiuti tossici dalla calda Somalia al gelido Artico. In entrambi i casi a lanciare l’allarme è il WWF. Nel caso del Paese africano, infatti, l’associazione ambientalista denuncia la presenza di ingenti quantità di rifiuti tossici, anche radioattivi, sepolti nell’Oceano Indiano e “risvegliati” dalle onde violente dello tsunami. “Anche il nostro Paese ha delle gravissime responsabilità rispetto a quanto sta accadendo ora in Somalia – ha dichiarato Michele Candotti, Segretario generale del Wwf Italia – e deve rispondere alle richieste già avanzate sia dall’Unep che dai membri del Parlamento somalo di un aiuto internazionale per approfondire le indagini e avviare operazioni di bonifica”.
Invece l’altro fronte riguarda l’Oceano Artico, utilizzato come pattumiera dall’industria chimica mondiale. Almeno è quanto denuncia il WWF nel rapporto: “The tip of the iceberg: Chemical contamination in the Arctic”.
Fonte: Greenplanet; Ethicalcorp.
Il rapporto del WWF.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...