Contaminazioni GM dalla Cina all’Australia

Strane, misteriose, diffuse contaminazioni. Colture GM che non dovrebbero essere tali, sementi biotech rimaste nei setacci di qualche ente di controllo scrupoloso. Nel mondo i campi di colture geneticamente modificate si diffondono anche senza avere bisogno di approvazioni statali.

E’ il caso della Cina dove viene venduto riso transgenico (Bt) non approvato per la commercializzazione – denuncia un ente di controllo sugli OGM, GeneScan. Ma è anche quanto sta accadendo in Australia, dove sono state rinvenute tracce di canola GM (Topas 19/2 sviluppato dalla Bayer CropScience) in partite di canola che non dovrebbero contenerne. Gli agricoltori bio e convenzionali, insieme agli ambientalisti, chiedono al governo di intervenire al più presto. O lo status GM-free dell’Australia (che in realtà commercializza cotone GM) potrebbe diventare solo un ricordo.

Vedi sulla Cina GM Watch.
Sull’Australia, oltre a GM Watch, anche Consortium-bio.info (in italiano).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...