Se la tecnologia strizza l’occhio ai soli iniziati

La rincorsa ai gadget tecnologici sarà pure diventata una tendenza di massa (almeno sotto una certa età), ma il gergo da ‘smanettoni’ (geekspeak) non solo è ancora un arcano per molti, ma contribuisce a respingere gli utenti.

Una ricerca Nielsen/NetRatings svolta in Gran Bretagna rivela qualcosa che forse si poteva immaginare. Ovvero che usare una tecnologia non significa necessariamente impadronirsene, ma neppure sapersi districare tra la giungla di acronimi, neologismi, termini stranieri (questo vale ovviamente per noi), e giochi linguistici da maniaci dell’informatica. Prendiamo l’instant messaging (ma forse dovrei dire messaggeria istantanea..?? brrr…) per esempio: lo usano milioni di persone, ma solo il 57% dei britannici che navigano il web sanno cosa significa l’acronimo IM.

Allora dov’è l’errore? Nelle aziende produttrici? Nei media e nei giornalisti? Nello snobismo dei tecnologhi?

There is a certain level of knowledge snobbery in so far as if you talk in acronyms you sound like you really know what you are talking about and if others don’t understand then they are seen in some way as inferior,” he said.

technorati tags:, ,

Blogged with Flock

Questa voce è stata pubblicata in tech. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...