Se i nostri dati saranno in balia dei database

C’è una vecchia canzone dei Violent Femmes che a un certo punto dice, con voce minacciosa: “I hope you know this will go down on your permanent record“. Bene, questa consapevolezza è ormai essenziale nell’era digitale, quando su Google rimangono a lungo tracce della nostra identità che non sempre vorremmo ricordare. Da questo punto di vista, la security (o meglio ancora, la privacy) by oscurity appartiene al passato.

Ma la perdita del controllo sulle informazioni che ci riguardano è ancora più grave nel caso in cui coinvolga episodi o disavventure avute con la giustizia – e del tutto saldate – che invece, una volta riemerse, potrebbero farci perdere un’occasione di lavoro o un appartamento.

Ne parla questo articolo del New York Times, che tratteggia l’inquietante compravendita di dati personali della società americana. Succede pertanto che gli archivi dei tribunali siano digitalizzati e venduti ai database commerciali, i quali però spesso non si aggiornano, dimenticandosi di cancellare persone e episodi che avrebbero diritto (e sottolineo diritto), per il lasso di tempo trascorso o per la minore gravità delle offese, di cadere nel dimenticatoio. E soprattutto di non essere accessibili a datori di lavoro o padroni di casa.

La questione di fondo, ripresa ieri da TechDirt, è dunque: di chi sono i dati? E come fare per avere un controllo su quelli che ci riguardano? Una bella patata bollente dell’era digitale prossima ventura….

“In an electronic age, people should understand that once they have been convicted or arrested that will never go away.”

technorati tags:

Blogged with Flock

2 thoughts on “Se i nostri dati saranno in balia dei database

  1. “Records once held only in paper form by law enforcement agencies, courts and corrections departments are now routinely digitized and sold in bulk to the private sector”.
    Se ho capito bene sono gli stessi stati a vendere quei dati ai privati? O è una cosa che avviene sottobanco? Se il problema è questo, non dovrebbe essere semplice in Italia o in altri paesi europei fare altrettanto. Almeno mi illudo🙂
    Quanto al problema generale, è davvero un problema.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...