Sapienza delle masse o dei pochi?

Ancora deve diventare un concetto di massa che la wisdom of crowds (l’intelligenza collettiva scaturita dallo sforzo cooperativo degli utenti internet) è messa in discussione da alcuni servizi web. Siti come PicksPal.com (ne parla oggi il Washington Post) cercano di creare una rete di esperti (in questo caso nel predire risultati sportivi) usando sì le folle internet, ma solo per avere un’ampia base per selezionare i migliori.

Una versione un po’ troppo aristocratica della wisdom of crowds, che anzi la snatura proprio, e giustamente Michael Arrington (TechCrunch) l’ha ribattezzata wisdom of few (intelligenza, o saggezza, dei pochi).

Insomma, il web e la partecipazione degli utenti sarebbero un’ottima risorsa per ‘distillare’ il meglio dei saperi e delle intuizioni dei singoli. Dimenticate l’idea che i piccoli pezzi di informazione e le prospettive individuali, una volta messe insieme, formino un puzzle più completo, annullando i reciproci errori. Tornano in auge le agenzie di reclutamento. Tornano i geni, setacciati come pepite nelle acque fangose del web. O no?

“If you figure out which ones
did the best and get rid of the ones who have no idea, you’d do even better. Distill it down to the people who really know,” Arrington said.

technorati tags:,

Blogged with Flock

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...