Contenuti e aggregazione: dove pende la bilancia

Raccogliere pubblicità attraverso il contenuto altrui è necessariamente un atto predatorio? Se pensiamo a Google si dovrebbe rispondere tutt’altro, dal momento che il servizio fornito non solo è utile per gli utenti, ma anche per gli stessi possessori dei contenuti originali. Pensiamo a Google News e alla visibilità (un vero e proprio valore aggiunto) che conferisce alle fonti citate (e linkate). 

Non tutti però la pensano in questo modo, come dimostra il caso degli editori belgi che hanno fatto causa al noto motore di ricerca. Ora la fobia verso l’aggregazione di dati altrui si sta espandendo ad altri ambiti. A scendere in campo è Jason Calacanis, fondatore di Weblogs (oggi assorbito da Aol), che tuona contro gli gli aggregatori Rss, in particolare contro quelli che piazzano pubblicità vicino ai feed del suo sito. La minaccia è di una pronta querela.

Ma se questo è il ragionamento, si chiedono allora quelli di TechDirt, non sarebbe un problema anche leggere questi feed attraverso Gmail o il browser Opera, visto che sfoggiano inserzioni pubblicitarie?

Perhaps it’s not that surprising, but it’s a bit upsetting to still see so many people having difficulty with the idea that having others increase the value of your content is a good thing.

technorati tags:, ,

Blogged with Flock

One thought on “Contenuti e aggregazione: dove pende la bilancia

  1. Pingback: Se i belgi fanno scuola « mastroblog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...