Tutti a volersi rifare una Seconda Vita

Sam Palmisano (ad e presidente di Ibm) che annuncia una consistente tornata di investimenti (100 milioni di dollari nei prossimi due anni) dagli spalti di Second Life, il più famoso dei mondi virtuali. Una parte di questi, ovviamente, andrà proprio alla realtà in 3D.
Sun Microsystems che, in Second Life, organizza una conferenza sui progressi del suo Java open source.
Dell che programma, sempre su Second Life, una conferenza stampa in cui probabilmente lancerà un negozio virtuale di computer.

Assodato che Second Life è una realtà interessante, non resta comunque il dubbio che tutto questo v-business possa leggersi, oltre che nel senso di business virtuale, anche come business del vaporware? (almeno in riferimento a tutte quelle aziende che scoprono improvvisamente di volersi rifare una seconda vita…)

Alcuni commentatori high-tech cominciano a spazientirsi di questa gara a chi fa la cosa più originale su Second Life, per non parlare dei giornalisti che poca voglia hanno di farsi un avatar e di trascinarsi goffamente (o di svolazzare come fagiani) per le terre esotiche del noto mondo virtuale. Ma Dell, suggeriscono ad esempio i maligni, non farebbe meglio a preoccuparsi delle batterie dei suoi computer (reali)? E Sun non potrebbe spiegare un po’ meglio, al mondo reale, cosa sta combinando? No, l’importante è esserci (su Second Life).

A quando i primi licenziamenti annunciati dall’avatar di un ad?

technorati tags:, , , ,

Blogged with Flock

4 thoughts on “Tutti a volersi rifare una Seconda Vita

  1. Ho provato ieri questo simpatico secondlife ma mi è sembrata una boiata. Non ho voluto quindi installare il programmino che permette di utilizzare il sito. Che dici, devo provare?

  2. beh, secondo me, dipende. Dipende da quanto ti piace stare al computer (metti in conto tante ore per apprezzare sl), da quanto ti interessano questo tipo di esperienze. Quello che è certo (sentendo i racconti quasi quotidiani delle seconde vite degli amici) è che liquidarlo come boiata è davvero difficile. è proprio un universo parallelo in cui si conoscono persone, si fanno amicizie, si costruiscono case, si visitano negozi. Inquietante e potente.

  3. concordo con fra…. io credo che meriti di essere provato, però se hai un po’ di tempo da perdere, perché per quel che mi riguarda all’inizio ci ho messo un po’ a capire, concretamente, come funzionava. Una mia collega che vi ha passato più ore di me si è anche divertita. Passando a un discorso più generale, evidentemente second life è una realtà in crescita, anche economica, e, a quanto pare, sta facendo pure tendenza… dunque, direi che la risposta è: dipende quanto vuoi tenerti aggiornato sugli sviluppi del web e dintorni. E’ chiaro cmq che nella vita c’è di meglio da fare…:)

  4. Io uso Second Life da poco piu’ di tre mesi. Credo che ogni valutazione basata su meno di una decina di ore di “gioco” non sia molto attendibile.

    Ci sono infatti modalita’ molto diverse per partecipare a Second Life: la si puo’ prendere come una chat, come un tool di costruzione 3D, come un ambiente da ammirare e in cui muoversi passivamente (molti posti sono brutti ma alcuni sono bellissimi), come un contesto in cui sperimentare la propria “imprenditorialita’” e altro ancora.

    Se si prova solo una delle forme possibile di attivita’ in Second Life, non credo se ne possa dare un giudizio completo. Certamente questo costituisce una difficolta’ iniziale non trascurabile.

    E’ interessante notare che molti blog tenuti dai giocatori di Second Life parlano in termini assai critici della presenza delle corporations, che viene descritta generalmente come estranea allo spirito del gioco e spinta solo a un ritorno di immagine all’esterno di esso – cioe’ sulle pagine dei mass-media tradizionali.

    Molti degli edifici e dei prodotti introdotti in Second Life dalle aziende rivelano uno sguardo miope e una comprensione limitata di questo ambiente. Tornano alla mente quei siti web realizzati pubblicando la scansione della propria brochure pubblicitaria, che invece di capire e sfruttare il mezzo di comunicazione “web” con le sue particolarita’ intrinseche persistono nell’utilizzare i parametri di un altro mezzo (la stampa cartacea).

    Chi vuole saperne di piu’, chiedere informazioni, confrontarsi con altri giocatori e preferisce parlare in italiano puo’ partire dal Forum o dal Blog di Second Life Italia:

    Forum in italiano su Second Life:
    http://www.secondlifeitalia.com/community

    Blog in italiano su Second Life:
    http://www.secondlifeitalia.com/blog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...