Ironie da riscaldamento globale

Che sia la Natura Matrigna, l’Ironia della Storia o la stupidità degli uomini, sta di fatto che il riscaldamento globale si sta ritorcendo contro alcuni dei suoi più acerrimi negazionisti.

L’Australia – l’unico Paese industrializzato, insieme agli Stati Uniti, a non aver ratificato il protocollo di Kyoto per ridurre le emissioni di anidiride carbonica (una delle principali cause del global warming) – sta attraversando la peggiore siccità degli ultimi 1000 (!) anni, con conseguenti danni all’agricoltura e rallentamento della crescita economica.

D’altro canto anche in Oklahoma si sono registrati i peggiori livelli di siccità degli States. Vale a dire: proprio nello Stato del senatore James Inhofe, il principale negazionista del riscaldamento globale dopo il presidente Bush. Tra le chicche di Inhofe, l’aver definito il global warming “la più grande bufala mai propinata agli americani”, e l’aver paragonato il dibattito alimentato da politici, scienziati e ambientalisti alla propaganda del Terzo Reich.

Chissà ora gli elettori dell’Oklahoma che cosa penseranno. Forse a una punizione divina. Se così fosse… non so dove abiti Michael Crichton, ma, visto l’andazzo, non vorrei essere sua vicina di casa.

technorati tags:,

Blogged with Flock

Annunci

In debito con Babbo Natale

L’industria finanziaria e tecnologica americana celebra il Natale con un’indigestione di regalie e feste degne dell’era dot-com. Tra tutti saltano agli occhi i bonus per i dipendenti della Goldman Sachs, del valore medio di 600 mila dollari a persona.

Pure la grande abbuffata coinvolge anche milioni di famiglie americane, prive di gratifiche aziendali ma non di spirito consumistico, che con la girandola di acquisti natalizi assestano un colpo mortale (o quasi) alle loro carte di credito, e dunque alla loro situazione debitoria. Ogni mese – ci ricorda Barbara Ehrenreich in questo post, cui segue una interessante sfilza di commenti, intenso ritratto di vita a stelle e strisce – 115 milioni di statunitensi si portano dietro un debito, e quando il fardello si fa troppo pesante arriva qualcuno ad alleggerirli della macchina o della casa.

E ciò nonostante resta l’imperativo di comprare, mentre chi si sottrae a questa logica viene dipinto come un fricchettone.

technorati tags:, ,

Blogged with Flock

Digg lancia la classifica dei podcast

Digg getta nella mischia anche quel prodotto per sua natura soffuso di understatement che è il podcast. Il noto sito di news tecnologiche (ma non più solo tech) fondato sulla partecipazione e i voti degli utenti dedica una sezione a quelle trasmissioni radio fai-da-te, cui è possibile abbonarsi tramite un apposito programma.

La gerarchia dei podcast presentati, vuole la legge di Digg, è rigorosamente basata sulle prefererenze dei lettori, e in prima posizione svetta (indovinate un po’) Diggnation, la trasmissione dello stesso Digg. Ma a incalzare subito dopo è This Week in Tech, una sorta di tavola rotonda settimanale condotta con maestria e tanto humor da Leo Laporte: per chi non lo conoscesse lo consiglio vivamente.

Insomma, la novità introdotta da Digg – che ha appena compiuto i due anni di vita ed in occasione del Natale ha ridecorato il proprio sito con un po’ di funzionalità nuove – spinge di nuovo al centro della scena il podcasting, che dopo una prima fase di euforia sembrava essersi arenato ai margini della conversazione digitale, restando un fenomeno di nicchia.

Ma ci sarà mai un vero decollo per i podcast? O sono stati già superati?

PS: Non sarà forse il podcast un’esperienza troppo lenta per il nostro malato ritmo di vita e la nostra bulimica assimilazione di informazioni?

technorati tags:, ,

Blogged with Flock

Le autostrade che portano malattie

Cosa è cambiato, nel rapporto tra modernità e tradizione, tecnologia e ambiente, Occidente e resto del mondo rispetto al Cinquecento?

Niente.

La costruzione di strade nelle foreste pluviali porta, insieme all’asfalto, malattie tra le popolazioni indigene. Secondo una ricerca effettuata nel nord dell’Ecuador, nei villaggi più vicini a un’autostrada aumentano gli ammalati di una grave forma di diarrea.

Anche in Africa la diffusione del dengue e della malaria è aumentata in connessione con la deforestazione e la costruzione di infrastrutture.

Paradossi della modernità. O forse un baco strutturale?

technorati tags:,

Blogged with Flock

Internet, Alberoni e la perdita dell’innocenza

Dopo i casi di bullismo nelle scuole, filmati e finiti in Rete, dopo il binomio internet e violenza, ora è la volta del sesso. Francesco Alberoni dalla prima del Corriere si scaglia contro il Net, colpevole a suo dire di aver trasformato, involgarito o addirittura devastato l’educazione sentimentale di un’intera generazione.

Riservandomi solo qualche commento (in parentesi), lascio la parola all’autore:
“Oggi un ragazzino di 12 anni, cliccando una parola innocua (?!) come sesso, può accedere a decine di migliaia di foto o filmati di pornografia estrema: un invito all’imitazione [ma davvero è l’unica reazione che si riesce a immaginare al riguardo?]. Fino a pochi anni fa le conoscenze sessuali si sviluppavano in parallelo alle esperienze amorose [la prostituzione come si colloca in questa retrospettiva storica?], oggi vengono fornite da internet [qui non ci vorrebbe un ‘anche’?] nella loro forma più arida, brutale, promiscua” [accidenti!]”.
Fine della citazione commentata.

Pare insomma che siamo passati dallo stil novo al sadomaso senza soluzione di continuità, e tutto a causa di internet. Incredbile eh?

technorati tags:,

Blogged with Flock

Giornali, una cotta per i blog

Tra blog e giornali è finita l’era della diffidenza. I diari online sono ormai diventati – specie per la stampa americana – un modo economico per svecchiarsi, rilanciare la propria immagine e invischiare i lettori prima che scappino su altri lidi del web.

Questo lungo articolo dell’American Journalism Review – segnalatomi da Ubik, che ringrazio – analizza in dettaglio la sfolgorante luna di miele tra due modi della comunicazione che, a mio avviso, tendono sempre di più ad avvicinarsi e a rispecchiarsi.

A quanto pare i giornali statunitensi stanno sfornando blog come fossero varietà di ciambelle: blog su sport, politica, criminalità, via via a scendere nalla lunga coda dell’essere genitori, degli animali domestici, del bowling e via dicendo. E le modalità pratiche con cui si realizzano questi diari sono anche le più varie: scritti da giornalisti del proprio staff, da esperti o appassionati assoldati appositamente, da blogger indipendenti, da lettori che hanno proposto un progetto specifico. Ci sono editori che si buttano nella mischia senza troppi scrupoli facendo affidamento sull’informalità del mezzo e altri che si tormentano con dubbi legati alla forma, all’etica (!), ma soprattutto ai risvolti legali.

Tra i casi citati trovo molto interessante l’esperienza del Dallas Morning News, che ha dato vita a un blog scritto dalla redazione: uno squarcio sui meccanismi e i dibattiti interni dei redattori, ma anche sui loro interrogativi, sulle loro idee e idiosincrasie. Un’operazione di trasparenza che crea nei lettori anche un senso di familiarità verso i giornalisti e dunque (immagino) un conseguente attaccamento alla testata.

Di tutti i problemi sollevati – fino a che punto spingersi coi link esterni (includere solo siti ideologicamente in linea col giornale o no?); filtrare o meno i commenti; editare o no i post; come prevenire il rischio di cause legali – mi pare che quello principale sia sempre lo stesso: ovvero, per dirla con Kelly McBride (Poynter Institute), “c’è una tensione intrinseca tra il valore della velocità in un mondo online e il dovere del giornalismo di svolgere un lavoro completo e accurato”.

technorati tags:,

Blogged with Flock

Realtà virtuale e memoria fallace

Hanno fatto un esperimento per capire se l’utilizzo di esperienze virtuali aiuti le persone ad apprendere più velocemente: il risultato ha superato la realtà. I partecipanti al test avevano memorizzato così bene quanto imparato che a volte si ricordavano troppo. Anche cose inesistenti.

L’ipotesi è dunque che la realtà virtuale possa produrre memorie fittizie. La prossima volta che avrete qualche esperienza di immersione in un mondo simulato pensateci. Forse quella persona che avete incontrato non era poi così affascinante… Forse quella frase che vi ricordate non l’ha mai detta….

Ma la memoria non era già abbastanza ingarbugliata di suo?
Ne parlo anche qui.

technorati tags:,

Blogged with Flock