Gli hacker contro il sindacato

Immagine

Doveva essere una giornata di scioperi e si sono ritrovati a parlare dei loro siti web. Che ieri sono stati attaccati da un gruppo di hacker. FIOM di Milano, ma anche CGIL di Bergamo, di Mantova, di Monza e Brianza si sono risvegliati con la home dei rispettivi siti defacciata, come si dice in gergo. Ovvero al posto dei contenuti originali campeggiavano due facce colorate di Guy Fawkes, la maschera di Anonymous, su uno sfondo suggestivo di pioggia di codici alla Matrix. E poi la scritta: “Hacked by Anonymous #IAG”.

Più sotto un breve ma roboante comunicato che tra le altre cose recitava: “Sta arrivando come l’ira di Dio il vero cambiamento per il popolo italiano; la giovane italia (sic) degli italiani che lavorano (…) Derubati, maltrattati da quei delinquenti che ci governano e da tutte le lobby che li supportano (…) Rivoluzione digitale”. La frase più inquietante era però un’altra: “Database acquisito, tutti i tuoi dati sono andati persi”.

Continua su L’Espresso.